L'asma bronchiale

L'Asma bronchiale 

 da www.ospedalebambinogesu.it  modificato                                                      asma

 

É una patologia molto diffusa, caratterizzata dall’infiammazione dei bronchi. Vediamo insieme che cos’è, quali sono i sintomi, in che modo trattarla.  

 

 Che cosa è l’asma bronchiale? 

L’asma è una malattia caratterizzata da infiammazione della parete dei bronchi. 

 

L’infiammazione si accompagna a:  

  • restringimento del calibro dei bronchi, 
  • produzione di muco al loro interno           come conseguenza----> riduzione dello scambio aereo
                                                                     asma1

  Asma bronchiale o bronchite asmatica? 

Si preferisce definire con il termine bronchite asmatica la patologia caratterizzata da episodi di tosse ricorrente e difficoltà di respiro che occorrono nei primi anni di vita legati soprattutto a stimoli infettivi per lo più virali
Questi episodi sono maggiormente associati a fattori legati alla nascita (p.es. iperreattività e/o minore calibro delle vie aeree) o ambientali (infezioni virali ed esposizione al fumo di sigaretta).
 

 

A differenza dell’asma, gli episodi di bronchite asmatica non sono strettamente associati all’allergia e tendono a diminuire in età scolare. 

 Quanto è frequente il problema? 

Esiste una predisposizione genetica? 

L’asma bronchiale è una patologia molto diffusa. 

 

Circa 10-15 bambini su 100 presentano episodi di asma bronchiale. 

Esistono fattori genetici che predispongono all’asma. 

 

È molto frequente il riscontro di un genitore o fratello asmatico. 

 

Dal genitore viene ereditata la tendenza ad infiammare facilmente le vie aeree (iper-reattività delle vie aeree). 

Le cause più comuni

 

 

 

 

  • Le infezioni delle vie respiratorie (vedi-->bronchite asmatica)

 

  • I fattori ambientali:
    domestici (esposizione al fumo di sigaretta, la polvere di casa, il pelo di cane e gatto, le muffe);
    esterni (inquinamento, aria fredda e/o secca, pollini).
     

 

  • L’attività fisica: asma da sforzo (  importante ricordare cheil bambino affetto da asma non presenta controindicazioni alla pratica sportiva se adeguatamente trattato con farmaci )

 

  • Le reazioni allergiche principalmente da sostanze inalate : acari ("la cosidetta allergia alla polvere"), muffe   peli di animali domestici) , pollini  di piante (  in primis le graminacee)

        più raramente da  allergeni alimentari  (latte,uovo  arachidi o addittivi alimentari) o farmaci 

       asma4  asma5

 

La presentazione dei sintomi è variabile

La classica manifestazione è rappresentata da difficoltà di respiro, tosse ricorrente, sibili, rientramenti intercostali.  

 

In alcuni casi la sintomatologia è marcata: il bambino ha difficoltà a parlare, può presentare difficoltà a restare in posizione sdraiata.  

 

In altri casi la sintomatologia è più sfumata: la tosse è insistente, ricorrente, prevalentemente notturna (può manifestarsi dopo un lieve episodio di infiammazione delle alte vie aeree) si può presentare solo con frequenti episodi durante il gioco o la corsa 

Come si diagnostica? 

Si diagnostica attraverso: 

  • Storia clinica 
  • Esame obiettivo ( la visita) 
  • Tets allergometrici  
  • Test di funzionalità respiratoria 

 

Terapia 

Quali controlli per il bambino asmatico? 

L’asma si cura con: 

  • la terapia farmacologica, 
  • il controllo dei fattori ambientali, 
             asma3 

Sono consigliabili questi controlli: 

  • controlli periodici dal pediatra di famiglia
  • controlli presso il Centro  specializzato nei pazienti con asma importante
                                  asma6


Add this to your website

Ultimo aggiornamento Venerdì 27 Gennaio 2012 16:39